L’appello di una famiglia di ristoratori astigiani: “Ridateci la dignità di lavorare