La rabbia dei chirurghi del Piemonte: “Contro il Covid non basta limitare la nostra attività”